News

ARCHIVIO:

“C’era una volta il nuovo Barbaresco di Ca’ del Baio: AUTINBEJ”

16/02/2017

Una o più porzioni di vigne collocate nei versanti più soleggiati e belli della collina.

Cosi recita l’etimologia tratta dal vocabolario della lingua piemontese.

E’ questo il nome che abbiamo scelto per il nuovo Barbaresco, un termine utilizzato spesso dal nonno Ernesto , per individuare le vigne più vocate. Un Barbaresco di “una volta” che, come voleva la tradizione, proveniva da più vigneti con caratteristiche diverse.

Marcarini e Ferrere sono i due cru che partecipano in quota  maggioritaria alla composizione di “Autinbej”, somma delle attitudini del grande nebbiolo da Barbaresco.